Luglio 1965: Marte si mette in posa per l’uomo

Seconda stella a destra… ah! No, non è un’isola! Ma è abbastanza isolato comunque. Il 15 luglio del 1965 vengono trasmesse le prime immagini da Marte!

Marte ormai lo conosciamo bene: pianeta rosso, quarto del sistema solare, si vede ad occhio nudo… se si ha una buona vista! O, almeno, lo conoscono bene quelli della NASA.

Per secoli il pianeta che porta il nome del dio romano della guerra lo abbiamo immaginato popolato di omini verdi, di città simili a quelle terrestri, di mari, di fiumi…  poi un giorno a qualcuno è venuto in mente di guardarlo più da vicino…

Negli anni ’60 del 900, in seguito alle prime missioni in direzione della luna, l’ente spaziale americano inaugurò la nuova spedizione verso un altro corpo celeste: Marte, appunto.

Immagine di una sonda usta per esplorare Marte

Un prisma alto 46 centimetri e di meno di un metro e mezzo di diametro realizzato in magnesio, qualche pannello solare, un’antenna parabolica e tanto spirito di avventura, sempre che una sonda possa averne! Questi gli ingredienti della spedizione!

Lanciata nel novembre dell’anno precedente, dopo otto mesi il mariner 4 inviava le prime immagine ravvicinate di Marte. Non erano in alta definizione, ovviamente erano in bianco e nero ma sul valore storico non si discute! Paradossalmente, il successo di quella missione diede un colpo mortale al progetto Marte. “È molto meno interessante di quanto avessimo immaginato”, dissero alla NASA.