Wake Up! – 29 Aprile

Puccini la compose alla fine dell’800 e fu l’opera nella quale si consacrò un esordiente Luciano Pavarotti: stiamo parlando della Bohème

Luciano Pavarotti vinse a soli 26 anni il prestigioso Concorso Internazionale Achille Peri .. ma facciamo un passo indietro per capire qualcosa di più della vita del tenore modenese.

Il padre, fornaio con la passione canora, trasmise al figlio l’amore per l’opera. Luciano però si dedicò all’insegnamento: fu infatti docente di educazione fisica e poi maestro elementare.

Si formò all’istituto magistrale di Modena, che, tra l’altro, è curiosamente la stessa scuola frequentata da Guccini. Continuò a studiare e ad esercitarsi insieme al padre e con lui ottenne il primo successo, durante un’esibizione corale in Galles. 

Si arriva quindi al 1961, l’anno nel quale sale sulle tavole del teatro municipale di Modena come Rodolfo, nella Bohème di Puccini. In oltre 45 anni di carriera Pavarotti ha interpretato innumerevoli ruoli ma Rodolfo gli rimase addosso, tanto che egli stesso ebbe a dire di sentirlo come un vero e proprio alter ego.

Tra le tante curiosità legate a “Big Luciano”, una ci ha colpito: Pavarotti nacque il 12 ottobre, lo stesso giorno nel quale, nel 1946, L’Italia scelse L’Inno di Mameli. E non parlateci di coincidenze!

La Frase del Giorno

La musica fonde insieme tutte le singole parti del nostro corpo.” – Anaïs Nin

Il Consiglio del giorno

Fate movimento, ascoltate musica, urlate in riva al mare, camminate scalzi sull’erba… un consiglio? Passate una buona giornata!