Wake Up! – 24 Maggio

Wall Street, Broadway, i grattacieli, Central Park. New York ha un cuore pulsante e quel cuore è un’isola. Il 24 maggio del 1626 l’isola di Manhattan veniva comprata da Peter Minuit!

0 fiorini olandesi. Oggi sarebbero 1000 dollari, più o meno. Questo è il prezzo che l’ex tagliatore di diamanti Peter Minuit pagò, per aggiudicarsi “il centro del mondo”.

In realtà la popolazione degli indiani Lanape  i 60 fiorini non li ricevette davvero. Perline, vetri colorati e cianfrusaglie furono ciò che fu loro dato in cambio di quell’isola, scoperta un secolo prima dal fiorentino Giovanni Da Verrazzano.

Il nome della città che sorse su quel lembo di terra fu Nuova Amsterdam, in quanto acquistata dagli olandesi. Quando poi le truppe di sua Maestà Britannica ruppero le barricate, la rinominarono onorando il duca  Giacomo Stewart, Nuova York.

Da piccolo insediamento fluviale, Manhattan nel giro di due secoli divenne una vera e propria città arrivando, alle porte del ventesimo secondo, ad allargarsi oltre i confini dell’isola. 

Nella lingua dei Lenape Manhattan significa “isola delle colline”. Chissà se ispirò gli ingegneri che disseminarono l’isola di grattacieli…

La Frase del Giorno

“Un vero newyorkese crede che coloro che vivono altrove stiano, in qualche modo, scherzando”. – John Updike

Il Consiglio del Giorno

Truman Capote descriveva Manhattan come un iceberg di diamanti ma non serve attraversare l’oceano per trovare un tesoro. Il consiglio di oggi? Guardate bene nelle tasche: nei posti meno probabili si trovano spesso sorprese… preziose!