Wake Up! – 18 Maggio

Le hanno dedicato film, canzoni, sogni e profezie apocalittiche… il 18 maggio 1910 la Terra attraversava la coda della cometa di Halley!

A differenza di molte altre comete quella di Halley, tra le più brillanti e famose in assoluto, si avvicina al nostro pianeta con intervalli di decine di anni, permettendoci di prevederne le apparizioni in maniera molto precisa.

Il primo passaggio noto di questo affascinante corpo celeste è segnalato il 25 maggio del 239 a.C. dagli astronomi cinesi della dinastia Qin. La descrivono come…“Una stella a forma di spazzola”

Volò sulle sconfitte di Attila, venne rappresentata su arazzi e su affreschi da pittori come Giotto, che la vide come la Stella di Betlemme nella “Adorazione dei Magi”.

La osservò Keplero  e nel 1986 la sua “coda” venne attraversata dalla sonda europea “Giotto”. Un nome tutt’altro che casuale!

Quando, nel 1910, il nostro pianeta venne avvolto dal lungo strascico della cometa la meraviglia fu tanta, al punto che il nostro Pascoli le dedicò un inno intitolato proprio “Alla cometa di Halley”.

Sempre sul pezzo, Giovanni!

Si prevede che tornerà a farci visita nel 2061, passando a “soli” 147mila chilometri da Giove. Tutti eleganti, mi raccomando! In fondo si tratta di una….star!

La Frase del Giorno

“La canzone è una stella filante che qualche volta diventa cometa” Francesco Guccini

Il Consiglio del Giorno

Mentre aspettiamo pazientemente il ritorno della cometa di Halley… godiamoci tutte le meraviglie che Scavolini da 60 anni pensa per noi! Se con una cometa si esprime un desiderio con Scavolini possiamo esaudirne tutti quelli che vogliamo… Scavolini, la più amata dagli italiani.