Torino come il Tibet? – Recensione “Grandi altitudini”

Una serata magica di fine estate in una città dal fascino discreto, che fa da sfondo a confidenze e sorrisi di una coppia che sta per formarsi.

Ritrovarsi a Torino, dopo essere stata in Tibet e aver visitato tutte le città italiane più frequentate potrebbe risultare stridente, almeno ad un occhio superficiale.


Non è così per la protagonista del podcast di oggi, che si diverte a fare la turista in una Torino che, al tramonto, sta dando il meglio di sé, accanto ad un ragazzo appena conosciuto, ma col quale sente di avere molte affinità.


Dalla scelta dei luoghi da visitare, fino ai discorsi affrontati e agli interessi in comune, la giornata sta passando fluida e leggera, come il sole di fine agosto che non vuole saperne di andare via, quasi volesse accompagnare fino alla fine i due ragazzi.
Dopo aver parlato e camminato, si ritrovano in cima alla Mole Antonelliana, simbolo della città, a scrivere i loro più preziosi e reconditi desideri, e a lanciarli in aria, affidandoli ad una sorte che sembra sorridere bonaria.

Potete ascoltare l’episodio anche su SpotifyApple PodcastGoogle Podcast, e sulle principali piattaforme di podcasting.