Fuga dalla Pasquetta… in pandemia – Recensione “Pasquetta VentiVenti”

Anche il più cinico dei vegani è costretto a capitolare di fronte alle braciole grigliate del vicino, e forse alla fine capisce che in fondo, non è poi così male.

In ogni famiglia numerosa che si rispetti, c’è almeno un parente refrattario alle feste comandate, e soprattutto alle tavolate immense, dove dal nonno al cuginetto pestifero non manca nessuno.
Ma, se negli anni passati era più facile darsela a gambe, inventando impegni o viaggi improvvisi, come si fa in piena pandemia, quando è già un lusso poter fare due passi nel cortile di casa?


Il protagonista di questo racconto, a tratti surreale, proprio non ci sta a trascorrere Pasquetta 2020 in collegamento via Skype con mamma papà zii e zie, e pur di non dover sorridere e brindare davanti ad una telecamera, è disposto a neutralizzare la sua connessione internet.
Come? Armato di cacciavite e tenaglie, è deciso ad accanirsi con la centralina della fibra ottica in fondo alla strada. Sembra un gioco da ragazzi, il rientro verso casa è più rocambolesco del previsto e si ritrova catapultato nel giardino dei vicini che stanno, ovviamente, grigliando.


E il nostro eroe finisce dalla padella…alla brace

Potete ascoltare l’episodio anche su SpotifyApple PodcastGoogle Podcast, e sulle principali piattaforme di podcasting.