Audioboost rende disponile lo Speakup Article anche per le AMP

Con questa funzione di Audioboost, si stima che l’8% di utenti in più sia raggiungibile dai contenuti audio

Novità da parte di Audioboost, martech italiana specializzata in soluzioni audio-first, nonchè prima Content Factory esclusivamente Audio in Italia che potenzia lo sviluppo del suo Speakup Article con la versione compatibile anche alle pagine AMP (Accelerated Mobile Pages).

Cosa comporterà questa svolta? In primis, sarà possibile usufruire dei podcast partendo da qualsiasi modalità di navigazione online.
Ciò significa che i podcast saranno ancora più raggiungibili e ancora più a portata di mano. In un periodo come questo, che vede questo canale di comunicazione audio in continua espansione, si tratta di una novità davvero importante e innovativa!

Facendo una riflessione più mirata, se si considera la preminenza del traffico mobile dei Siti Web, senza dimenticare la quota del traffico AMP, la presenza dello Speakup Article potrebbe portare addirittura a raddoppiare le opportunità di ascolto, partendo da una fetta di audience che arriva in gran parte dall’indicizzazione dei motori di ricerca.

Inoltre, è risaputo che i KPI (Key Performance Indicators), ossia gli indicatori chiave di prestazione, che riguardano la conversione e il coinvolgimento del potenziale pubblico, sono legati alle abitudini di ascolto. Per questo, la presenza del player su tutte le pagine dei siti rimane fondamentale. Senza dimenticare il Toodle, quel magico bottone flottante che offre la possibilità di ascoltare il contenuto dell’articolo.
Con questo sistema, una percentuale compresa tra 5% e 8% degli utenti unici si trasforma in ascoltatori, con una media di un minuto e mezzo di ascolto, e una media di 2,5 podcast fruiti da ogni singolo utente.

Cristina Pianura, Founder e General Manager di Audioboost, ha voluto sottolineare che Audiobooost non si limita ad entrare a far parte del mondo dell’Audio, ma, anzi, è in grado di plasmarlo. Quindi non si tratta di una mera riproduzione audio di contenuti scritti, poiché, con lo Speakup Article un numero sempre maggiore di Siti Web diventa completamente Audible.

A questo proposito, Cristina Pianura ha anche annunciato che Audioboost ha appena avviato due collaborazioni molto importanti, con i siti di Maggioli Editore e PaesiOnline del Gruppo Valica. Entrambi, quindi, diventeranno siti Audible a tutti gli effetti entro la fine del mese, contribuendo ad aggiungere contenuti e podcast di qualità al marketplace Audioboost.